ATTIVITÀ UE DI INTERESSE DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI - N. 8/2018

Rendiamo disponibile il bollettino n. 8/2018 "Attività UE di interesse del settore delle costruzioni" elaborato da ANCE per rispondere alla crescente domanda di informazione sulle attività, sulle iniziative e sui provvedimenti all'esame delle istituzioni europee.

 

IN QUESTO NUMERO:

  • Concessioni autostradali: prorogate due concessioni, da mettere in gara almeno l'80% dei lavori. Il 27 aprile scorso la Commissione europea ha approvato due decisioni per prorogare le concessioni autostradali detenute da Autostrade per l'Italia (ASPI) e da Società Iniziative Autostradali e Servizi (SIAS). Le decisioni, che consentono la realizzazione di circa 8,5 miliardi di euro di investimenti, impongono all'Italia di mettere in gara almeno l'80% dei lavori da effettuare.
  • Bilancio UE, proposto dalla Commissione il Quadro Finanziario Pluriennale 2021-2027. Il 2 maggio la Commissione europea ha presentato la proposta per il bilancio dell'UE successivo al 2020. La Commissione propone un bilancio a lungo termine di 1.135 miliardi di € per il periodo 2021-2027, pari all'1,11 % del reddito nazionale lordo dell'UE-27. Nuove priorità, quali la gestione delle frontiere, la sicurezza e la difesa saranno finanziate, e al contempo verranno aumentati gli investimenti in settori quali la ricerca e l'innovazione, i giovani, l'economia digitale. I finanziamenti a favore della politica agricola comune e della politica di coesione subiranno, invece, una riduzione del 5%.
  • Lunedì 23 aprile si è tenuto il webinar "Appalti pubblici con fondi europei, la guida e le iniziative della Commissione europea", organizzato congiuntamente dall'Ufficio di Bruxelles e dalla Direzione Legislazione Opere Pubbliche. Sul sito internet dell'Ance sono disponibili il video del webinar e le presentazioni dei relatori.
  • Il Parlamento europeo, nella seduta plenaria del 17 aprile, ha formalmente adottato la nuova direttiva sulla prestazione energetica nell'edilizia che modifica la direttiva 2010/31/UE.
  • Nelle previsioni economiche di primavera, pubblicate dalla Commissione europea il 3 maggio scorso, l'Italia si colloca all'ultimo posto in Europa per crescita economica prevista nel 2018, con un aumento del Pil dell'1,5% contro una media Ue di +2,5%.

 

Download allegati:
Letto 10 volte Ultima modifica il Mercoledì, 16 Maggio 2018 09:45